Magazine

TIPOLOGIA: Altro

Anna Gunnarsson

Abstract
Le prospettive stanno cambiando, così come il modo in cui guardiamo ai contenuti digitali e al modo in cui li utilizziamo. Si stanno sviluppando cose interessanti. Siamo nel bel mezzo di una sorta di cambiamento di paradigma. Esattamente dove sta andando è difficile da sapere. Sono in corso la creazione di nuove espressioni. Vengono utilizzati nuovi metodi. Al Visualization Centre di Norrköping, l'esplorazione è diventata un nuovo campo da esplorare; mostrando come i metodi dell'esplorazione scientifica e della raccolta dei dati possono essere utilizzati per comunicare i risultati e come i metodi di visualizzazione esplicativa possono arricchire l'esplorazione. Un curioso gruppo di ricercatori ci sta aprendo la strada verso le possibilità di nuove esperienze digitali

Introduzione

L’uso di Exploranation quando si tratta di comunicazione scientifica è per molti versi nuovo. Quando si entra nel Visualization Center di Norrköping, in Svezia, è ovvio che questa è la loro area di competenza. Le sale sono piene di esperienze di visualizzazione interattive che il pubblico può utilizzare ed esplorare. Diverse aree, dalla sostenibilità alle indagini sul crimine, sono a disposizione di chiunque abbia una mente curiosa. Le aree che possono essere difficili da comprendere vengono esplorate in un modo che le rende più accessibili (e divertenti!) per l’utente. Non è una coincidenza. Al centro di visualizzazione, un gruppo di ricercatori1. hanno identificato quello che chiamano un “cambiamento dirompente nella comunicazione scientifica”. e “hanno iniziato ad affrontare sistematicamente le sfide legate alla visualizzazione interattiva dei dati al pubblico”1, utilizzando una varietà di approcci narrativi e possibilità tecniche.

 

Una varietà di cose da esplorare

Uno sguardo più da vicino ai dettagli

Quando ci si rende conto “che gli stessi dati e metodi sottostanti possono essere utilizzati sia per gli esperti in compiti professionali che per il pubblico in contesti pubblici”1, i ricercatori hanno identificato un punto di partenza per Exploranation: l’uso di tavoli tattili di grandi dimensioni. I tavoli possono esporre i reperti museali (e altri oggetti difficili da studiare nella vita di tutti i giorni) non solo in dettaglio sulla superficie, ma anche dando un quadro completo di ciò che c’è dentro. Questo approccio consente all’utente di esplorare tutto in dettaglio cambiando punti di vista, aggiungendo o rimuovendo livelli, entrando in dettagli estremi e altro ancora. Studiando gli utenti e il loro comportamento in questa situazione, i ricercatori hanno scoperto che utilizzando tavoli interattivi, gli utenti sono diventati più interessati ai manufatti reali presenti nel museo. Un esempio di questo è la mummia dell’Uomo Gebelein al British Museum2. Ma far sì che ciò accadesse non è stato un compito facile, poiché sta generando grandi quantità di dati e sfide specifiche quando si tratta di installazioni di lunga durata che dureranno per un uso generale. I ricercatori affermano di aver “sviluppato metodi per gestire le dimensioni dei dati e per migliorare la qualità e la velocità dell’illuminazione volumetrica. Abbiamo anche implementato il nostro software su tavoli multitouch di grandi dimensioni. Questo lavoro si rivolgeva a esperti del settore medico, medici e studenti di medicina”1.

 

Figura 1. Giovani visitatori del Museo del Mediterraneo di Stoccolma utilizzano un tavolo di visualizzazione per esplorare i dettagli di un'antica mummia egizia.
Figura 1. Giovani visitatori del Museo del Mediterraneo di Stoccolma utilizzano un tavolo di visualizzazione per esplorare i dettagli di un’antica mummia egizia.

 

Il quadro generale

Molti di noi sono stati visitatori di uno spettacolo al planetario, esplorando lo spazio al di là della nostra portata. Negli ultimi anni, la qualità di tali spettacoli è migliorata enormemente, rendendo l’esperienza più interattiva, coinvolgente e strabiliante. Ciò è dovuto principalmente alle possibilità digitali di utilizzare dati provenienti da osservazioni reali, operazioni spaziali e simulazioni. Inserendo tutto questo in computer grafica e impostazioni avanzate, i visitatori avranno la possibilità di avvicinarsi e talvolta anche di prendere parte a vere e proprie missioni spaziali di veicoli spaziali senza equipaggio o a eventi su una stazione spaziale, il tutto rimanendo al sicuro a terra. Eventi come questi diventano sempre più accessibili ai visitatori abituali nei musei/centri scientifici, dalle scuole al pubblico in generale. Eventi di comunicazione scientifica come questi possono anche collegare molti siti diversi, come i siti che sono stati collegati alla missione New Horizons su Plutone nel 2015, invitando i visitatori a volare effettivamente con l’aereo e parlare con gli esperti coinvolti3. Ma come sempre, quando una situazione di apprendimento coinvolge una tecnologia più avanzata, acquisisce anche competenze avanzate e conoscenze più approfondite da coloro che guidano questi eventi; digitale e operativo, oltre a poter lavorare con una trama ben pianificata che mira a ipnotizzare il pubblico.

 

Figura 2. Un evento astronomico dal vivo, che collega siti di tutto il mondo. OpenSpace ha visualizzato come la sonda New Horizons ha trasferito le immagini di Plutone, il 14 giugno 2015.
Figura 2. Un evento astronomico dal vivo, che collega siti di tutto il mondo. OpenSpace ha visualizzato come la sonda New Horizons ha trasferito le immagini di Plutone, il 14 giugno 2015.

 

Più piccolo di quanto possiamo immaginare

Cercare di cogliere ed esplorare la scala molecolare della realtà è sempre stata una sfida per gli esseri umani. Quando si cerca di superare questo ostacolo, nel corso della storia sono stati creati molti modelli non così dettagliati e la necessità di modi migliori per esplorare è stata ovvia. Pertanto, le possibilità di visualizzazione hanno svolto un ruolo importante nei metodi di comunicazione per la ricerca cellulare/molecolare/biologica quando è necessario analizzare grandi quantità di dati e modelli chiari e comprensibili. Puntando su oggetti molto piccoli, su scala nanometrica, i ricercatori hanno scoperto che erano necessarie nuove misure; “Ciò ha richiesto un nuovo modello chiamato MolDock, in cui le coordinate molecolari vengono importate dalla banca dati delle proteine (file PDB), dove viene creato un modello 3D”1. Quando si esamina l’uso di questo modello, è diventato ovvio che sia gli studenti che il pubblico in generale hanno ottenuto una migliore conoscenza dopo averlo utilizzato; “Attraverso la valutazione, si è concluso che il sistema ha aiutato gli studenti a saperne di più sui processi delle proteine. Ha cambiato il modo in cui ragionavano sulle molecole”1.

Ma perché la visualizzazione è un modo così efficace per aiutarci a capire il mondo? I ricercatori hanno scoperto che le possibilità digitali del nostro tempo (e probabilmente non rallenteranno presto) aprono davvero nuove prospettive; “Fino ad ora c’è stata una netta divisione tra la visualizzazione che consente un’analisi efficace dei dati che porta alla scoperta scientifica (visualizzazione esplorativa) e le rappresentazioni visive utilizzate per spiegare e comunicare la scienza a un pubblico generale (visualizzazione esplicativa)” 1. Ora sembra possibile e accessibile fare entrambe le cose allo stesso tempo: un’esplorazione. La direzione della metodologia di Exploranation può davvero aiutare noi utenti curiosi a sperimentare la cosa reale; provenienti da dati reali, che ci vengono presentati in un contesto digitale che permette di esplorare aree che, prima, erano al di fuori della nostra portata. Un’ipotesi plausibile è che l’incrocio tra dati reali e risorse digitali presentate in modo pratico possa diventare più comune nei centri scientifici e nei musei, lasciandosi alle spalle un uso più limitato degli schermi. I ricercatori affermano che “sono necessarie ulteriori ricerche sulla tecnologia, sulle strategie comunicative e sui domini applicativi per comprenderne le possibilità e i limiti. Dal punto di vista dell’apprendimento, la visualizzazione interattiva basata sui dati è un mezzo relativamente nuovo, con opportunità e sfide con nuovi requisiti per gli strumenti di visualizzazione e come guidare l’esperienza”1.

Speriamo che tutti noi avremo l’opportunità di seguire ulteriormente questo in un prossimo futuro, al Centro di visualizzazione di Norrköping o altrove. So che sarei pronto a partecipare come volontario a qualsiasi esperienza di Exploranation di questo tipo, per ricerca o semplicemente per divertimento!

I ricercatori ci stanno mostrando chiaramente perché l’esplorazione in un contesto digitale è possibile in questo momento (ed è stato più difficile da raggiungere prima).

·     “La comunicazione scientifica può ora basarsi direttamente su dati scientifici reali, su larga scala e/o complessi”.

·     “La metodologia avanzata di visualizzazione e interazione ha raggiunto un alto livello di maturità e può essere utilizzata su GPU standard, rendendo possibile l’utilizzo degli stessi approcci di visualizzazione sia nella visualizzazione esplorativa che in quella esplicativa”.

REFERENZE

  1. Exploranation: A New Science Communication Paradigm, A Ynnerman, J Löwgren, LTibell, Università di Linköping, 2018
  2. Lundström et al., “Visualizzazione interattiva di mummie scansionate in 3D in luoghi pubblici”, IEEE Transactions on Visualization and Computer Graphics, 2016
  3. Bock et al., “Openspace: un framework di visualizzazione astronomica open-source”, Journal of Open Source Software, 2017

2 | 2024 gennaio-marzo




Editoriale
AI e dintorni. Luigi Amodio
Articoli di apertura
Speciale
Articoli di chiusura
Rubriche