Magazine

TIPOLOGIA: SPECIALE

Eleanor Q. Neil

Abstract
L'Irlanda ha una lunga storia di esplorazioni scientifiche. I modi in cui queste scoperte sono state comunicate affondano le loro radici nelle società di studiosi del 18th secolo e sono intimamente legati allo sviluppo dei musei. La comprensione di questa storia è fondamentale per gli sviluppi futur

Introduzione

Cercare l’inizio della comunicazione scientifica è come chiedersi quanto è lungo un pezzo di corda. Una comprensione letterale del concetto lo farebbe risalire al IV secolo a.C. e ad Aristotele. Tuttavia, le teorie intenzionali e ponderate sulla comunicazione scientifica come strumento, intrecciato ma distinto dall’educazione, sono relativamente nuove e hanno visto il loro avvento alla fine del 20th secolo.

 

Questi inizi concettuali sono anche legati ai valori politici dell’epoca e alla crescente comprensione dell’alfabetizzazione scientifica pubblica come parte integrante della salute economica e politica, soprattutto negli Stati Uniti (Tobey 1971, Logan 2001). Anche se non ancora diffuso, il modello del deficit era molto in voga in ambito educativo e veniva applicato anche al di fuori delle aule scolastiche e all’informazione pubblica sulla scienza. Inoltre, la comunicazione scientifica era intrapresa principalmente dagli scienziati stessi, in contrapposizione agli esperti di comunicazione. Tuttavia, molti di questi scienziati esercitavano pressioni sulle testate giornalistiche affinché creassero rubriche scientifiche, che coprissero le scoperte e gli sviluppi scientifici e fossero integrate nel ciclo delle notizie, una pratica che ha acquisito un notevole slancio dopo il lancio dello Sputnik nel 1957 (Logan 2001, 166).

 

È interessante notare che lo spostamento di fine secolo verso un modello interattivo di comunicazione scientifica ha attinto a piene mani anche dalla scienza politica, in particolare da strategie come il dialogo pubblico (Carey 1989). Mentre l’alfabetizzazione scientifica dei primi anni del XX secolo si concentrava sull’accuratezza, sul contesto e sui metodi di trasmissione dall’esperto al pubblico, i modelli interattivi erano più interessati ai contesti culturali in cui avveniva la comunicazione e alla decostruzione dei canali unidirezionali, dall’esperto al consumatore.

 

Queste decostruzioni sono processi in corso e le attuali tendenze della comunicazione scientifica le hanno ulteriormente esplorate attraverso metodi collaborativi e partecipativi. Insieme a un maggiore interesse per lo sviluppo di una comunicazione etica e responsabile, c’è una crescente enfasi sulla trasparenza e sulla responsabilità degli esperti e della conoscenza esperta. In tutti i campi accademici, si assiste anche a un crescente riconoscimento della varietà dei tipi di conoscenza e della condivisione della conoscenza, non necessariamente radicata negli ideali europei e illuministici. I musei partecipano alla promozione dell’apprendimento collaborativo e della produzione di conoscenza grazie al loro ruolo di “terzi spazi” (Oldenburg 1989), luoghi che non sono né il lavoro né la casa, ma punti di ritrovo informali che favoriscono la coesione sociale e l’impegno civico.

 

Proprio come le interpretazioni letterali della comunicazione scientifica risalgono al mondo antico, le interpretazioni letterali dell’inizio dei musei farebbero risalire l’etimologia della parola al greco antico museion. Tuttavia, il museion aveva uno scopo decisamente religioso: era un luogo per il culto contemplativo delle muse. Come per la comunicazione scientifica, il concetto contemporaneo di museo è arrivato molto più tardi. Nel XVIII secolo, quando iniziò a consolidarsi la concezione contemporanea del museo e della sua funzione. È l’inizio dell’apertura al pubblico delle collezioni private e, soprattutto, dei governi che iniziano a vedere il valore sociale dei musei e il desiderio di incrementare le istituzioni pubbliche.

 

Irlanda

Passiamo ora al tema centrale di questo articolo, ovvero la storia intrecciata dei musei e della comunicazione scientifica in Irlanda. L’Irlanda ha una solida storia di ricerca scientifica che, secondo alcuni, risale agli astronomi del Neolitico (ca. 3200 a.C.) che riuscirono a costruire tombe di passaggio come quella di Newgrange per allinearsi con il sorgere del sole al solstizio d’inverno. Questo, come il museion e Aristotele, è forse troppo lontano nel tempo per essere una contabilità utile.

 

In questo contesto è più utile partire dal XVII secolo, quando Robert Boyle conduceva i suoi esperimenti fondamentali di chimica e veniva fondata la Dublin Philosophical Society, che ospitava molti degli esperimenti scientifici più contemporanei e all’avanguardia. Questo legame tra la spinta al progresso scientifico e il desiderio di condividere tali progressi è il filo conduttore della storia della comunicazione scientifica in Irlanda.

 

Nel XVIII secolo il ruolo dei musei cominciò a prendere forma e le società di studiosi e i nuovi musei europei iniziarono a negoziare il loro ruolo nella vita pubblica e nell’educazione. Nel 1753 il Parlamento britannico approvò un atto che prevedeva la creazione del British Museum, che aprì i battenti nel 1759. Questo momento, di educazione pubblica e basata sulle collezioni, è il punto di partenza del processo che ci porterà alla definizione di museo così come il Consiglio Internazionale dei Musei (ICOM) lo definirà nel 2022: “un’istituzione permanente senza scopo di lucro al servizio della società che ricerca, raccoglie, conserva, interpreta ed espone il patrimonio materiale e immateriale. Aperti al pubblico, accessibili e inclusivi, i musei promuovono la diversità e la sostenibilità […]”. Verso la fine del XVIII secolo furono fondati la Royal Irish Academy e l’Osservatorio di Armagh.

 

È impossibile separare la storia irlandese dal colonialismo e dal pregiudizio di classe, anche se un esame più sfumato del loro ruolo nella comunicazione scientifica irlandese esula dallo scopo di questo articolo. Tuttavia, nel XIX secolo, la Gran Bretagna ha adottato un approccio più coinvolto alla comunicazione e all’educazione scientifica in Irlanda, spinta da un rinnovato desiderio di rafforzare il controllo, non solo politico, ma anche sociale sull’Irlanda e sugli irlandesi (Crooke 2000).

 

Tuttavia, la fisica sperimentale di John Tyndall e le sue lezioni estremamente popolari sull’argomento (destinate a un pubblico di non addetti ai lavori) lo portarono a lasciare la natia Irlanda e a trasferirsi negli Stati Uniti, ottenendo un posto fisso come relatore al Royal Institute di Londra. A Tyndall viene spesso attribuito il merito di essere il primo divulgatore scientifico.

 

Nel 1877 il governo coloniale istituì il Museum of Science and Art di Dublino, sottraendo la responsabilità delle collezioni pubbliche alla Royal Dublin Society (RDS) e ponendola sotto il diretto controllo del governo (Crooke 2000). Le collezioni di questo nuovo museo provenivano dalla stessa RDS, ma erano integrate anche dalla Royal Irish Academy (RIA) e dal Trinity College di Dublino. Questo fu l’inizio di una rete museale centralizzata in Irlanda.

 

Nel 1890 fu costruito un nuovo edificio in Kildare Street per ospitare monete, medaglie e importanti antichità irlandesi della RIA, tra cui la Spilla di Tara e il Calice di Ardagh, e collezioni etnografiche con materiale proveniente dai viaggi del Capitano Cook dalla collezione del Trinity e le collezioni del Geological Survey of Ireland. Durante questo periodo, un’ampia varietà di materiale fu accorpata in organizzazioni centralizzate e le collezioni delle società accademiche iniziarono a diminuire. Sebbene non sia stato previsto in questo modo, ciò rappresentò anche l’inizio di una visione più democratica dell’istruzione pubblica. Le società erudite erano marcatori della classe sociale e dell’educazione di classe, come non lo sono i musei finanziati con fondi pubblici. Tuttavia, la decolonizzazione e la democratizzazione dei musei, anche di quelli finanziati con fondi pubblici e gratuiti, è un processo continuo che richiede più di una porta aperta.

 

Il XX secolo è stato un periodo cruciale per l’Irlanda e per i musei e l’educazione scientifica. Nel 1900, il Dublin Museum of Science and Art cambiò dipartimento e passò sotto la responsabilità del Department of Agriculture and Technical Instruction. Nel 1908, tutti i musei di Dublino divennero ufficialmente il National Museum of Science and Art di Dublino, a indicare il cambiamento della concezione politica dell’Irlanda come nazione. Nonostante una lunga storia di scoperte scientifiche in Irlanda (per un resoconto più dettagliato si veda Murphy (2020)), è stato solo dopo la lotta iniziale per l’indipendenza (1916) e la creazione dello Stato libero irlandese (1921) che la moderna comunicazione scientifica in Irlanda ha iniziato a prendere piede.

 

Nella seconda metà del XX secolo si è sviluppata a livello globale una formazione formale e sistematica in comunicazione della scienza. Nel 1960, negli Stati Uniti è stato offerto il primo master, a indicare l’inizio della definizione e della professionalizzazione del settore (Schiele e Gascoigne 2020, 18). In Irlanda, nel 1963, è iniziata la Young Scientist Exhibition. Oggi è aperta a tutte le scuole secondarie e rimane estremamente prestigiosa, con un numero di iscrizioni che raggiunge regolarmente le 600 unità. Nel 1967, poi, il programma televisivo in lingua irlandese Teilifís Scoile andò in onda sull’emittente nazionale irlandese Teilifís Eireann (oggi RTÉ), e Ben Sherry chiese al suo pubblico “Che cos’è la fisica?”, guidandolo in una discussione serpeggiante e filosofica (Murphy 2020).

 

Con il progredire della tecnologia negli anni Settanta e la possibilità di ampliare la portata dei ricevitori televisivi irlandesi, iniziarono a essere trasmessi più programmi televisivi internazionali di educazione scientifica: Horizon e Tomorrow’s World della BBC, Life on Earth di David Attenborough e Cosmos di Sagan sono stati trasmessi dalla RTÉ. Nel 1985 è stata fondata l’Associazione irlandese dei giornalisti scientifici e tecnologici. Il loro premio Mary Somerville per il miglior comunicatore scientifico del Paese rimane uno dei riconoscimenti più prestigiosi del settore.

 

Nei 20 anni successivi, la comunicazione scientifica è fiorita in Irlanda sia in ambito accademico che politico. Nel 1996 è stato pubblicato il Libro bianco sulla scienza e la tecnologia (Rabitte, 1996), è stata lanciata la prima settimana della scienza ed è stato istituito il primo master in comunicazione scientifica tra la Dublin City University e la Queen’s University Belfast. Nel 1998 è seguito un programma finanziato congiuntamente da governo, settore privato e filantropia, il Programme for Research at Third Level Institutions (PRTLI). Il PRTLI aveva lo scopo di generare una collaborazione interistituzionale e disponeva di fondi specificamente destinati all’istruzione e alla divulgazione. Nel 2003 è stata fondata la Science Foundation Ireland (SFI). Il suo scopo era quello di supervisionare la politica e la ricerca in campo scientifico e tecnologico e il suo Discover Programme finanzia la maggior parte dei programmi di educazione e sensibilizzazione.

 

Forse l’istituzione più innovativa, la Science Gallery Dublin, è stata aperta nel 2008.  “Si trattava di una svolta per la rappresentazione della scienza in Irlanda e probabilmente del primo passo concreto […] lontano dal tradizionale modello di marketing deficitario. Si trattava di uno spazio pubblico interstiziale per lo scontro di idee ai margini della scienza e delle arti” (Murphy 2020, 428). La perdita della Science Gallery Dublin nel 2022 ha lasciato un vuoto, non solo negli sforzi di comunicazione scientifica in Irlanda, ma anche fisico in Pearse Street.

 

E adesso?

Questo pezzo non ha toccato in profondità gli sviluppi scientifici o le personalità che l’Irlanda ha prodotto nel corso della sua storia (ad esempio, Boyle, Walton, Burnell), né ha fornito un esame approfondito delle influenze politiche che gli scienziati, gli esperti di comunicazione scientifica e i musei esercitano o da cui sono influenzati (vale la pena menzionare il ruolo dei Musei Nazionali nel movimento per l’indipendenza e nella costruzione dell’identità nazionale). Senza questo background, è piuttosto difficile contemplare i paesaggi contemporanei e futuri.

 

Tuttavia, con il futuro incerto della Science Gallery Dublin, la domanda sembra essere: e adesso? Shiele e Gascoigne (2020, 18) hanno rilevato che “la creazione di un centro scientifico è simbolo dell’importanza […] della scienza e della tecnologia in una società”. Sebbene la Science Gallery non fosse un centro scientifico come lo definiscono Shiele e Gascoigne, la sua perdita evidenzia la lacuna nell’ecosistema della comunicazione scientifica irlandese.

 

Nel 2006, l’Irish Science Centres Awareness Network ha avviato i piani per la creazione di un Centro Nazionale della Scienza per Bambini a Dublino, ma ad oggi la costruzione dovrebbe iniziare solo nel 2024 e le porte aprirsi nel 2027. Ciò rappresenta oltre 30 anni di pianificazione e raccolta fondi e dimostra ciò che Murphy (2020, 432) ha identificato come “la fragilità della cultura scientifica irlandese”.

 

La comunità di ricerca scientifica irlandese ha beneficiato a lungo di una dedizione complementare alla comunicazione. I musei sono una parte significativa di questo impegno ed è da notare non solo la mancanza di un centro scientifico, ma anche il gusto decisamente analogico dei musei che persistono dalla loro nascita in epoca vittoriana. Il Museo di Storia Naturale, ad esempio, che fa parte della rete del National Museum of Ireland, ha una solida programmazione pubblica, ma una scarsissima integrazione dell’impegno digitale di persona o online.

 

Questo sembra avvenire nonostante la comunicazione e la ricerca digitale siano in corso in altre parti d’Irlanda, tra cui intersezioni innovative di arte e scienza attraverso la tecnologia (ad esempio, Beta Festival; STEAM Learning Ecologies presso il centro SFI, CÚRAM al NUIG). Sembra che i musei incaricati della comunicazione scientifica in Irlanda non siano in grado di impegnarsi pienamente con questa tecnologia e ricerca robusta e all’avanguardia che viene integrata con successo altrove. È questa mancanza di coesione e di collaborazione innovativa tra i progressi tecnologici e digitali e il settore museale che richiama maggiormente la fragilità della cultura scientifica di Murphy (2020). Poiché i musei, le iniziative di comunicazione scientifica e l’innovazione digitale stanno fiorendo in Irlanda, c’è motivo di essere positivi per il futuro. Saranno necessari sforzi mirati e una ridefinizione delle priorità delle strutture di finanziamento, ma le future collaborazioni hanno il potenziale per creare una cultura museale irlandese più solida, in grado di includere e supportare i mezzi digitali e di favorire un più ampio coinvolgimento del pubblico con la scienza.

Museo Nazionale d'Irlanda - Museo di Storia Naturale
Museo Nazionale d’Irlanda – Museo di Storia Naturale

Riferimenti

Carey, J.W. 1989. La comunicazione come cultura: Saggi su media e società. Boston: Unwin Hyman.

 

Crooke, Elizabeth. Politica, archeologia e creazione di un museo nazionale in Irlanda: un’espressione della vita nazionale. Dublino: Irish Academic Press, 2000.

 

Kirwan, Alan. “Postcolonialismo, etnicità e Museo Nazionale d’Irlanda”. In Musei nazionali: New Studies from Around the World, a cura di Simon Knell, Peter Aronsson, Arne Bugge Amundsen, Amy Jane Barnes, Stuart Burch, Jennifer Carter, Vivienne Gosselin, Sarah Hughes e Alan Kirwin, 443-452. Londra: Routledge, 2011.

 

Logan, Robert A. “La comunicazione scientifica di massa: La sua storia concettuale”. Science Communication 23, 2 (2001): 135-163.

 

Murphy, Padraig. “Irlanda: La scienza in una terra di narratori”. In Communicating Science, A Global Perspective, a cura di Toss Gascoigne, Bernard Schiele, Joan Leach, Michelle Riedlinger, 419-442. Acton, Canberra: ANU Press, 2020.

 

Oldenburg, Ray. Il grande posto buono: Caffè, caffetterie, librerie, bar, parrucchieri e altri luoghi di ritrovo nel cuore di una comunità. Boston: Da Capo Press, 1989.

 

Rabbitte, Pat. “Libro bianco sulla scienza e la tecnologia”. Relazione. Dipartimento delle Imprese e dell’Occupazione, Governo dell’Irlanda, 1996. URI: http://hdl.handle.net/2262/85933

 

Schiele, Bernard e Toss Gascoigne. “Le linee del tempo: Un’‑analisi a grandi linee‑”. In Communicating Science, A Global Perspective, a cura di Toss Gascoigne, Bernard Schiele, Joan Leach, Michelle Riedlinger, 15-50. Acton, Canberra: ANU Press, 2020.

 

Tobey, R. 1971. L’ideologia americana della scienza nazionale. Pittsburgh, PA: University of Pitts- burgh Press.

Watson, Sheila. I musei e le origini delle nazioni, miti e narrazioni emozionali. Londra: Routledge, 2021.

2 | 2024 gennaio-marzo




Editoriale
AI e dintorni. Luigi Amodio
Articoli di apertura
Speciale
Articoli di chiusura
Rubriche